Mondiali di Fossa Universale- Marco Vaccari sul tetto del mondo. Lombardia superstar in Ungheria anche con le 3 Coppe del mondo vinte da Borlini, Vaccari e Mazzocchi

31 luglio 2018

Clicca qui per stampare.. Clicca qui per stampare..
Lui, Marco Vaccari, tiratore di lungo corso di Novate Milanese, è già da tempo nella storia del tiro a volo, e di pagine a dir poco importanti ne ha già scritte tante, ma adesso ha decisamente fatto il salto di qualità entrando nella leggenda.
A garantirgli un posto nei piani altissimi riservato a pochi eletti a livello planetario di questo sport, è stato un ennesimo titolo internazionale, questa volta iridato, conquistato domenica scorsa nei Master sulle pedane ungheresi del centro Sarlospuszta Shooting Range.
Da Tatàrszentgyorgy, piccolo comune dell’Ungheria settentrionale, dove è appunto ubicato lo Shooting – Range, luogo particolarmente vocato da anni ad ospitare manifestazioni di alto livello, gli azzurri della Fossa Universale, capitanati dal c.t. Sandro Polsinelli, tornano a casa più che soddisfatti e orgogliosi.
Oltre alle medaglie iridate, infatti, la spedizione italiana, ha conquistato 5 Coppe del Mondo, 3 delle quali hanno uno spiccato accento lombardo grazie allo stesso Marco Vaccari, a Graziano Borlini di Ardesio ma originario di Cogne che a giugno, a Toledo in Spagna, si è laureato campione europeo Senior ed alla varesina di Sangiano Daniela Mazzocchi, altra star di caratura internazionale che ci regala sempre grandi emozioni che a, sempre a Toledo, è salita 2 volte sul gradino più alto vincendo sia il titolo europeo individuale che per la competizione a squadre.
Le altre Coppe del mondo vinte dalla spedizione azzurra dopo questa terza ed ultima tappa del circuito, portano la firma dello Junior Riccardo Faccani e del Veterano Lionello Masiero.
Ma procediamo per ordine, tornando quindi alla competizione regina con in palio i titoli mondiali 2018 e, riavvolgendo il nastro, torniamo alla gara del nostro Marco Vaccari, un tiratore che quando te lo trovi nell’agone agonistico, sai già che un posto sul podio è prenotato.
Tanti i suoi titoli europei in bacheca, ultimo dei quali vinto a metà giugno a Toledo in Spagna, lo scorso anno al Concaverde di Lonato del Garda, nel 2013 a Granada in Spagna e, giusto a memoria, nel 2011 a Maribor in Slovenia. Naturalmente, sono solo alcuni degli allori importanti che Vaccari ha messo in cassaforte.
Una vittoria netta, la sua, con il punteggio di 188/200, ben propiziata fin dalla prima serie, chiusa con un immacolato 25/25 e continuata con un 23, un 24, un 22, un 24, ancora un 25 e un 23 e un 22 a completare il quadro.
Alle sue spalle, con lo score di 183/200 l’azzurro Roberto Nanni seguito, con 181/200 dall’australiano William Iles.
Vice campionessa mondiale, invece, la Lady del Tav Milano Trap Daniela Mazzocchi che nonostante una gara lineare con punteggi parziali sempre alquanto alti (191/200), questa volta ha dovuto cedere il gradino più alto all’altrettanto brava e titolata tiratrice francese Caroline Arnaudeix (193/200), relegando comunque al terzo la transalpina Edwige Dinouard che si è fermata a quota 188/200.
Uno sguardo, prima di passare alle classifiche con gli altri azzurri grandi protagonisti, alla competizione iridata a squadre, a iniziare dal titolo mondiale vinto Senior vinto dal terzetto azzurro formato da Roberto Bocci, il nostro Graziano Borlini e da Riccardo Pontecorvi con il punteggio di 574/600. Argento per i francesi e bronzo per la formazione del Sud Africa.
Ancora un argento per l’Italia grazie alle Ladies lombarde Rachele Amighetti, bergamasca di Costa Volpino, Daniela Mazzocchi e Bianca Revello, altra tiratrice di alto profilo internazionale di Calcinato.
All’Italia, anche l’iride a squadre dei Vaterani grazie a Lionello Masiero, Calogero Gibiino e Salvatore Graffeo con 564/600, con francesi e inglesi nell’ordine sui rimanenti gradini del podio.
Anche nella categoria Men, è arrivato l’oro a squadre con Carlo Angelantoni, Stefano Narducci e Alessandro Camisotti (584/600) seguti dai francesi con 580/600 e gli australiani con 569/600.
A chiudere, ecco l’argento pesante a squadre degli Junior Nicolò Fabbri, Riccardo Faccani e Andrea Trabucco (575/600), d’un soffio dietro ai francesi (576) ma davanti al terzetto sud africano, bronzo con 568/600.

Campionato del mondo – Classifiche individuali
Master: 1) Marco Vaccari (ITA) 188/200; 2) Roberto Nanni (ITA) 183; 3) William Iles (AUS) 181.
Lady: 1) Caroline Arnaudeix (FRA) 193/200; 2) Daniela Mazzocchi (ITA) 191; 3) Edwige Dinouard (FRA) 188.
Junior: 1) Nathan Argiro (AUS) 197/200; 2) Riccardo Faccani (ITA) 196; 3) Karl Jovinelle (FRA) 194.
Senior: 1) Alain Lacroix (FRA) 194/200; 2) Orazio Cremona (ZA) 193; 3) Giampaolo Micheletti (ITA) 192.
Veterani: 1) Lionello Masiero (ITA) 192/200; 2) Giorgio Ravera (ITA) 188; 3) Jean Paul Mano (FRA) 187.
Coppa del mondo – classifiche
Master: 1) Marco Vaccari (ITA); 2) Josef Bouda (CZE); 3) Josef Hofman (CZE).
Senior: 1) Graziano Borlini (ITA); 2) Mario De Donato (ITA); 3) Sandro Polsinelli (ITA).
Ladies: 1) Daniela Mazzocchi (ITA); 2) Bianca Revello (ITA); 3) Roberta Pelosi (ITA).
Veterani: 1) Lionello Masiero (ITA); 2) Giorgio Ravera (ITA); 3) Gildo Grondona (ITA).
Junior: Riccardo Faccani (ITA); 2) Nicolò Fabbri (ITA).

CALENDARIO GARE 2018


aggiornato 04/01/2018

rivista

Facebook

SITO AGGIORNATO

27/07/2018