1° G.P. Fossa universale Uboldo

5 giugno 2011

In 236 a Uboldo per il G.p. Fitav di Fossa Universale.
Pioggia di medaglie per i tiratori lombardi
A Stefano Mariani, un oro di … Eccellenza.

Che la specialità della Fossa Universale stesse crescendo lo si sapeva e domenica scorsa, semmai ce ne fosse stato bisogno, la conferma è puntualmente arrivata.

Sono stati infatti ben 236 i tiratori che hanno dato vita al Gran Premio Fitav, ospitato con notevole  professionalità dal centro varesino Belvedere di Uboldo, misurandosi sulla distanza dei 100 piattelli.

Oltre a un successo organizzativo, la Federtiro Lombarda ha visto brillare di luce propria Stefano Mariani, tiratore di chiara fama che difende i colori del Tav Arlunese, che ha conquistato con pieno merito l’oro più pregiato: quello della categoria Eccellenza.

Il suo 95/100 finale nasconde invero le non poche potenzialità che questo campione è in grado di esprimere. Mariani, infatti, dopo un iniziale 24/25 si è concesso qualche distrazione con quel 21/25 a seguire. Da questo momento in poi la perfezione nelle ultime 2 serie con altrettanti 25/25 che hanno cancellato le velleità dei suoi più diretti antagonisti.

Una categoria, questa di Eccellenza, che ci ha regalato anche una medaglia di bronzo grazie all’alfiere del Tav Melzo Santo Plataroti dopo un velocissimo shoot – off con il tiratore veneziano del Tav La Fattoria di Mira Robertino Tacchetto. A quest’ultimo, è bastato infatti frantumare il primo piattello, sbagliato invece dal nostro Plataroti, per mettersi al collo l’argento. Plataroti ha concluso la gara con il punteggio di 92/100+0 mentre Tacchetto ha chiuso con lo score di 92/100+1.

La pioggia di medaglie lombarde continua, questa volta tra i Seconda categoria dove a contendere l’oro al vercellese del Tav S. Giovanni Vito Ciro Campagna è stato il nostro Alessandro De Pietri del Tav Arlunese.

I due, conclusa la prova in perfetta parità (93/100) hanno affrontato lo spareggio al primo zero vinto con un + 2 da Campagna. Oltre all’argento di De Pietri, nella stessa categoria segnaliamo anche il bronzo vinto dal varesino del sodalizio di Uboldo Vincenzo Cetrangolo in virtù di ben quattro 23/25, per un totale quindi di 92/100.

Ancora una doppietta, oro e argento per la Lombardia nella qualifica Veterani. Questa volta, a regalarci queste emozioni sono stati nell’ordine Gildo Grondona (Tav Belvedere) con 95/100 e Alberto De Pietri (Tav Arlunese) con il punteggio conclusivo di 91/100+2. Un argento dunque sofferto, visto anche che si sono ritrovati in 4 a disputare lo shoot – off. Oltre a De Pietri, in pedana anche il vicentino Giorgio Pantano, poi giunto terzo, il savonese Giorgio Ravera (Tav Priama) e il milanese del Tav Il Campanile di Mesero Carlo Polo, classificatisi nell’ordine al 4° e 5° posto.

Passiamo adesso ai Master, dove ancora una volta i tiratori lombardi si sono particolarmente distinti. Se l’oro è andato meritatamente al veronese Aurelio Tezze (96/100), a polarizzare l’attenzione sono stati, una volta conclusi i tempi regolamentari, gli alfieri del Tav Belvedere Mario Barbieri e Santo Verducci. Dopo la parità di 90/100 Barbieri ha conquistato l’argento nello shoot – off mentre Verducci si è dovuto accontentare, per modo di dire, di una medaglia di bronzo di notevole spessore.

L’altro bronzo lombardo, questa volta tra le Lady, per merito della bergamasca Sabrina Panzeri, atleta accasata al Tav Bonate Sopra che, dopo un avvio da dimenticare, con un 18/25 che grida vendetta, ha saputo comunque respingere le avance di quotate quanto blasonate avversarie del calibro di Bianca Revello (Top Ten Montichiari BS), Arianna Marocco (Tav Arnaldo Emanuel CN) e Sonia Mariotto che difende i colori trentini del Tav Dro.

Sabrina Panzeri, nella seconda serie ha messo a segno un 24/25 per poi concludere con due 21/25, sufficienti per il bronzo anche se, col senno di poi, un pensierino all’argento, vinto dalla vicentina Francesca Sella (Tav Nibbio) con un piattello di differenza, sarebbe stato più che giustificato.

Onore al merito per la vicentina Nadia Righetti (Shooting Team Scaligero), la stra vincitrice di questa sfida al femminile con un pesantissimo 95/100.

Ancora una medaglia di bronzo alquanto prestigiosa l’ha poi conquistata in casa Diego Puccio, che veste appunto la casacca del Tav Belvedere, tra i Prima categoria, sfida vinta dal padovano Giampaolo Micheletti (Tav Le Tre Piume) con il punteggio di 95/100 dove, a fare la differenza è stato quel 25 fatto segnare nella seconda serie.

A quota 94/100 ecco infatti sia il nostro Diego Puccio che il bolognese Lorenzo Gonnesi Fabbri (Tav Il Mulino) che si sono contesi i restanti gradini del podio allo shoot – off dove, dopo il primo lancio, a prevalere è stato quest’ultimo.

Non c’e’ che dire, grazie alla bravura dei tiratori la Federtiro lombarda esce a testa alta da questo Gran Premio Fitav e già si parla con sempre maggior frequenza di un altro importante evento in terra lombarda. E’ stato infatti presentato nei giorni scorsi il Grand Prix Internazionale di Fossa Universale in calendario dal 28 al 29 maggio sulle pedane gardesane del Concaverde di Lonato.  Ma di questo avremo modo di parlarne in seguito. Adesso gustiamoci questi allori, ringraziando i protagonisti per il loro talento, la grinta e la voglia di emergere che da sempre li contraddistingue.

CALENDARIO GARE 2017


aggiornato 04/04/2017

rivista

Facebook

SITO AGGIORNATO

04/04/2017