In 237 ai Cieli Aperti per il regionale di Fossa Olimpica. Merigo, Boschini, Idone e Rosa i neo campioni lombardi.

20 giugno 2016

Clicca qui per stampare.. Clicca qui per stampare..
Seconda e Terza categoria, oltre alle qualifiche Veterani e Master, si sono contesi domenica 19 giugno, sulle pedane del centro bergamasco Cieli Aperti di Cologno al Serio, i titoli regionali estivi di Fossa Olimpica.
Ad appuntarsi sul petto e staccare di diritto il biglietto per le rispettive finali tricolore, su un lotto di 237 tiratori al via, sono stati il Seconda categoria Gianfranco Merigo, il Terza Cristian Boschini, il Veterano Angelo Idone e il Master Federico Rosa.
Dopo 3 giornate, che hanno visto i tiratori superare abbondantemente quota 200 partecipanti in ogni sessione, nel moderno impianto di Cologno al Serio, dopo aver esordito nella prestigiosa “bomboniera” bresciana del Trap Concaverde di Lonato del Garda, per cimentarsi poi sulle pedane varesine del Tav Belvedere di Uboldo, si chiude quindi con successo una delle manifestazioni più ambite e partecipate della stagione agonistica.
Una menzione speciale va all’operato impeccabile del coordinatore, il giudice nazionale Pietro Saquella e a tutti i direttori di tiro, a loro volta ineccepibili nel portare a termine questo non facile circuito della specialità regina del tiro a volo.
A sovraintendere il tutto, altra garanzia di professionalità da sottolineare, è stato il commissario arbitri della Fitav Lombardia Santo Falanga, con la presenza del delegato provinciale Fitav di Bergamo Giuseppe Lazzaretti.
Finale in grande stile, dunque, con alcune conferme ma anche qualche sorpresa a rendere più pepata questa volata con gli ultimi 100 lanci, senza scordarci la possibilità di poter scartare la prova meno performante, a decidere tutto.
Decisamente poderoso il ruggito del pavese di Trovo Gianfranco Merigo tra i Seconda categoria che, dopo una prima prova a luci ed ombre, ha ingranato il turbo scrollandosi di dosso anche i più acerrimi avversari senza grossi patemi.
Onori, peraltro meritatissimi, al vincitore del Tav Pezzaioli di Montichiari che quest’anno ci va sempre più stupendo con effetti, per così dire speciali, senza per questo sminuire le belle prestazioni dell’alfiere del Tav Belvedere Vincenzo Cetrangolo, argento nel finale ma costantemente nelle primissime posizioni in tutte le 3 gare e dell’esponente bresciano del Poggio dei Castagni di Vobarno Alessandro Piccinotti, che abbiamo visto in costante ascesa, un impegno di prim’odine che vale comunque un bronzo davvero pesante.
Chi può recriminare qualche cosa, è forse il portacolori del Tav Il Campanile di Mesero Carlo Zavattaro, giunto quarto ma dato per favoritissimo viste le eccellenti cose che quest’anno ci ha fatto vedere, penalizzato da una prima prova da dimenticare che certo non rispecchia le sue vere potenzialità.
Chi invece è riuscito a lasciarsi alle spalle la seconda prova, poi scartata come la peggiore, ma giungendo sempre in vetta nelle altre 2, è stato il Terza categoria bergamasco di Ponte San Pietro Cristian Boschini.
L’alfiere del Tav Bonate, località in cui peraltro risiede, è riuscito a sorpresa conquistare allo sprint il titolo regionale di categoria superando con un colpo di reni il gettonatissimo Lorenzo Balbi e, più staccato, il suo compagno di colori del Tav Milano Trap Antonino Stilo.
Alquanto combattuta la lotta tra i Veterani per i vari gradini del podio, coperto in tutte le posizioni dai tiratori del Tav Belvedere di Uboldo dove, a mettere il sigillo e conquistare così il titolo regionale è stato Angelo Idone.
A testimonianza di come sia stata avvincente questa finale, lo spareggio ai “rigori” dello Shoot-Off, dopo i tempi regolamentari, per la seconda e terza piazza tra Fabrizio Caldelli e Carlo Polo, vinta da quest’ultimo.
Trap Concaverde sugli scudi dei Master, grazie alla vittoria del “signore dei Piattelli” Federico Rosa che sembra proprio non perdere mai lo smalto e il carisma del gran tiratore.
Chi aveva messo fieno in cascina, prima di partire per difendere i colori italiani della Fossa Universale nel campionato europeo in Ungheria e riuscire così, nonostante l’assenza di domenica, a conquistare l’argento regionale è stato il varesino del Tav Belvedere Marco Vaccari.
Per la cronaca, proprio domenica a Salosputza, Vaccari a conquistato il titolo continentale a squadre dei Super Veterani insieme a Giorgio Bottigella e Lionello Masiero.

CALENDARIO GARE 2017


aggiornato 04/04/2017

rivista

Facebook

SITO AGGIORNATO

04/04/2017