Campionato regionale invernale F.O. In 332 hanno sfidato la pioggia e il vento.

9 febbraio 2016

Clicca qui per stampare.. Clicca qui per stampare..
La perturbazione annunciata proveniente dalla Francia non ha risparmiato, domenica, i campi da tiro lombardi dove, nonostante tutto, si sono dati appuntamento ben 332 tiratori in occasione della sesta delle otto prove di qualificazione del campionato regionale invernale lombardo di Fossa Olimpica.
Certo, abbiamo assistito a un leggero calo generalizzato dei punteggi in pedana, ma non alla crescente voglia di misurarsi con se stessi e con gli altri da parte dei tiratori che, semmai ce ne fosse stato bisogno, hanno dimostrato per l’ennesima volta il loro attaccamento al nostro sport.
Sport, questo del tiro a volo, in particolare nella specialità regina, che spesso, per quel solo piattello che fa la differenza, ti lascia l’amaro in bocca e allo stesso tempo riesce a gratificarti la gara successiva e quella seguente ancora e così via.
Ma i nostri tiratori, non inseguono solo il risultato a tutti i costi, visto che ogni kermesse è anche l’occasione per ritrovarsi e cementare così vecchie amicizie.
Forse è proprio questo il valore aggiunto che questa nostra disciplina sportiva cela tra le sue pieghe che, gara dopo gara si rinnova continuamente regalandoci grandi soddisfazioni anche quando non si è impegnati in pedana.
Ma qualcuno, e ci riferiamo alla “Lady di ferro” Cristina Bocca, ci ha comunque voluto stupire da par suo con effetti speciali.
La pluri titolata campionessa biellese di Candelo, accasata al Tav Milano Trap e stra favorita per titolo regionale di categoria unitamente alla compagna di colori, la varesina Daniela Mazzocchi, ha infatti stabilito un più che eccellente 48/50, sbagliando 2 lanci, entrambi nella prima serie.
Restiamo nella zona Ovest, e più precisamente sulle pedane pavesi dell’Accademia Lombarda, dove si sono contati 126 per rimarcare i 46/50 dell’Eccellenza Antonio Scarfò, del Seconda categoria Gabriele Sironi, dei Veterani Gildo Grondona e Carlo Polo e del Master Mario Barbieri, altro campione che non abbisogna certo di presentazione.
Ha entusiasmato non poco, inoltre, la sfida tra le società con la perfetta parità (270/300) tra i capo classifica varesini del Tav Belvedere di Uboldo e gli inseguitori milanesi del Tav Il Campanile di Mesero.
Una nota di merito tutta speciale va inoltre ai portacolori del Tav Accademia Lombarda che, gara dopo gara, vanno dimostrando sempre più di meritare a loro volta un posto al sole con un terzo posto provvisorio che gli rende merito.
Per quanto concerne la zona Est, che ha visto i tiratori cimentarsi al Tav Mantovano Mattarona – Rivarolo, ha confezionare i migliori punteggi sono stati il Veterano Valter Coffetti, con lo score di 47/50 e lo Juniores Edoardo Maifredi con 46/50.
Tra le società, continua la marcia trionfale dei bresciani del Tav Pezzaioli di Montichiari, tallonati dappresso dai Valsabbini del Poggio dei Castagni di Vobarno, con gli alfieri del Tav Bergamo, la sorpresa di questo campionato, in terza posizione.
Classifica Società
Zona Ovest: 1) Tav Belvedere – Uboldo p. 1.631; 2) Tav Il Campanile – Mesero p. 1.605; 3) Accademia Lombarda p. 1.586; 4) Tav Milano Trap p. 1.579; 5) Tav Eurotrap p. 1.550; 6) Tav Fagnano p. 1520.
Zona Est: 1) Tav Pezzaioli p. 1.651; 2) Poggio dei Castagni p. 1606; 3) Tav Bergamo p. 1.587; 4) Trap Concaverde p. 1586; 5) Tav San Fruttuoso p. 1564; 6) Tav Cieli Aperti p. 1539.

CALENDARIO GARE 2017


aggiornato 04/04/2017

rivista

Facebook

SITO AGGIORNATO

04/04/2017