Daniele Resca domina il Gran Mondiale Perazzi

24 luglio 2013

Record di presenze: 648 tiratori da 15 nazioni.

Clicca qui per stampare.. Clicca qui per stampare..

Mai come quest’anno il Gran Mondiale Perazzi, gara stellare di Fossa Olimpica conclusasi domenica al Concaverde di Lonato del Garda (BS) dopo 3 intense giornate, ha avuto un padrone così “assoluto”.
A cannibalizzare l’evento, che ha visto alternarsi sulle pedane del basso Garda ben 648 tiratori provenienti da 15 nazioni (150 gli stranieri n.d.r.) per ciascuna delle giornate di gara, è stato l’azzurro Daniele Resca.
Dal record di partecipanti passiamo ai record del tiratore di Pieve di Cento (BO) del Gruppo Sportivo Carabinieri, che ha sbagliato solo 3 piattelli su un totale di 275 lanci.
Con un punteggio come questo, Daniele Resca non avrebbe avuto rivali neppure in un mondiale, un europeo, una Coppa del Mondo o una Olimpiade.
E dire che le grandi firme del panorama mondiale non mancavano certo, anzi abbondavano, ma tutti si sono dovuti arrendere al suo strapotere.
Suo il Gran Mondiale Perazzi, sua la Coppa Famiglia Perazzi, suo il barrage degli Eccellenza e suoi ben 2 su 3 premi di giornata.
A cercare di arginare cotanta potenza, ci hanno provato in molti, a iniziare dall’argento olimpico di Londra 2012 e 2 volte campione iridato Massimo Fabbrizi, anche lui portacolori del Gruppo Sportivo Carabinieri, altro atleta 10 e lode che lo ha impegnato non poco.
In pratica, lo ha letteralmente tenuto sulla graticola in tutte le fasi della kermesse giungendo sempre alle sue spalle, con un solo piattello di differenza nel corso dei barrage che contano, facendo suo il primo posto nella terza giornata, quello che appunto manca a Resca.
Sorpresa del Gran Mondiale Perazzi il tiratore bresciano di Seconda categoria del Concaverde Lorenzo Lorenzi, terzo sia al termine dei tempi regolamentari (193/200) che nella finale del Gran Mondiale, pari merito con l’azzurro padovano delle Fiamme Oro Mauro De Filippis.
Big stranieri, alcuni gettonatissimi alla vigilia, tutti in coda, con l’oro olimpico di Pechino 2008, il Ceco David Kostecky a quota 190/200, lo spagnolo Xsavier Azpeitia che giorni prima si era aggiudicato il challenge “Daniele Perazzi” fuori dalle finali con 191 e il doppio argento olimpico (Pechino 2008 e Londra 2012) Zusana Stefecekova, che non è riuscita ad esprimersi al meglio, con un bottino di 187/200 piattelli distrutti, stesso risultato dell’azzurro Rodolfo Viganò, altro tiratore su cui puntare, che ha compromesso la sua performance nella prima giornata.
In pedana anche una nutrita rappresentanza di tiratori Paralimpici, tra i quali non mancavano gli stranieri, che nei barrage hanno visto brillare, dopo uno spareggio con Jones Laugharne, Pietro Boem (21/25+1) nella categoria Sitting e Yuri Bregoli (22/25+3) tra i Standing, anche questa volta dopo i tempi supplementari che lo hanno visto confrontarsi con Fernando Bulgheroni e Angelo Felice Pozzi.
Fortemente voluta da Mauro Perazzi e dalla Fitav, è questa la terza volta che i tiratori Paralimpici hanno avuto occasione di dimostrare le loro capacità e la forte volontà nell’esprimersi al meglio. Molto bravi:obiettivo raggiunto!
Un plauso va ai 40 Direttori di Tiro coordinati da Nicola Martino che, nel turbinio sicuramente per loro assai stressante che comporta un evento di tal fatta, hanno profuso tutta la loro ben nota professionalità.
Nota di merito, questa, espressa sia Mauro Perazzi che dal Consigliere nazionale Fitav Fabrizio Forti, che ha portato i saluti del presidente nazionale Luciano Rossi. Così come non sono mancati gli apprezzamenti al presidente del Concaverde Ivan Carella per la bellezza e la funzionalità del mega centro lonatese che tutto il mondo ci invidia. Che dire poi di tutti i tiratori che a loro volta sono stati i grandi protagonisti di questo prestigioso appuntamento. Gli aggettivi si sprecherebbero, tanto è stata la loro verve e la loro serietà e passione per questo sport, che ha fatto vibrare di emozioni il Concaverde minuto dopo minuto.
Ripetere un’edizione del Gran Mondiale così corposa, accattivante e ricca di teste coronate sarà ardua, ma il primo a crederci è Mauro Perazzi che, alquanto emozionato per la così grande vicinanza che i tiratori hanno dimostrato all’azienda bresciana di Botticino Mattina, altra eccellenza del “Made in Italy” nel mondo, ha annunciato che, al fine di rendere ancor più accattivante il “Gran Mondiale”, le novità per l’edizione 2014 non mancheranno certo.

Classifiche

Coppa Famiglia Perazzi:
1) Daniele Resca 197/200+25/25; 2) Massimo Fabbrizi 195+24; 3) Mauro De Filippis 193+25.
Vittoria Alata:
1) Daniele Resca 197/200+25/25; 2) Mauro De Filippis 193+24; 3) Lorenzo Lorenzi 193+24.
Barrage –
Eccellenza: 1) Daniele Resca 197/200+25/25; 2) Massimo Fabbrizi 195+24; 3) Mauro De Filippis 193+24.
Prima: 1) Stefano Selva 189/200+24/25; 2) Maximiliano Vai 188+24; 3) Dario Premoli 187+24.
Seconda: 1) Lorenzo Lorenzi 193/200+23/25+1; 2) Massimo Gosio 191+25+0; 3) Rafael Garcia Montes 189+23
Terza: 1) Marco Cervetti 189/200+25; 2) Federico Favaron 182+24; 3) Luca Morabito 184+21.

CALENDARIO GARE 2017


aggiornato 04/04/2017

rivista

Facebook

SITO AGGIORNATO

04/04/2017