Stage sulle preparazione fisica per i giovani tiratori lombardi

4 dicembre 2012

Clicca qui per stampare.. Clicca qui per stampare..
Un fine settimana ricco di impegni per i tiratori del Settore Giovanile della Fitav Lombardia, che sabato 1 e domenica 2 dicembre hanno partecipato numerosi, presso il Centro Fiera di Montichiari (BS), al raduno sulla preparazione fisica.
Relatori d’eccezione di questo appuntamento, curato nell’organizzazione dalla Commissione tecnica del Settore Giovanile della Fitav Lombardia con a capo il presidente Marco Micheli e i commissari Rinaldo Doi e Walter Miotto, sono stati il coordinatore nazionale del Settore Giovanile Alberto di Santolo e il preparatore atletico delle squadre nazionali Fabio Partigiani.
Tanto entusiasmo e serietà hanno dimostrato i 37 giovani atleti (19 del Cas Concaverde, 14 del San Fruttuoso, 2 del Tav Mattarona, 1 del centro Cieli Aperti e 1 del Tav Belvedere di Uboldo) oltre ai 19 istruttori di tiro lombardi che hanno risposto all’appello.
Ospiti graditi, anche 5 allievi istruttori piemontesi.
Giornata di sabato dedicata al riscaldamento pre-pedana e al preatletismo in generale, con esercizi mirati a valorizzare l’importanza sempre più pressante preparazione fisica.
“Se è vero che l’educazione posturale è la madre di tutto – così si è espresso Alberto Di Santolo- è altresì vero che momenti come questo costituiscono un bagaglio essenziale per il tiratore”.
Particolarmente interessanti i temi trattati domenica da Fabio Partigiani, che ha letteralmente incantato la nutrita platea.
”E’ la prima volta che faccio lezione a 37 ragazzi. Questo significa che mi trovo davanti a un Settore Giovanile effervescente, guidato con altrettanto entusiasmo, tutto da elogiare”.
I principi dell’allenamento, quelli della variabilità di carico, della ciclicità, della individualizzazione, passando poi ai cicli della preparazione, del momento agonistico e della transizione questi i primi temi trattati.
Molto coinvolgenti le fasi conclusive del suo intervento quando, oltre ad affrontare i temi della resistenza, della forza, della rapidità, della mobilità articolare, l’elasticità muscolare e l’equilibrio, Partigiani ha parlato della propriocezione, ovvero la capacità nel riconoscere e percepire la posizione del corpo nello spazio e lo stato di contrazione dei propri muscoli, anche senza il supporto della vista.
“Siete davvero particolari, ha concluso Fabio Partigiani, perchè avete affrontato questo appuntamento da persone mature. La vostra capacità di ascolto e la voglia di apprendere che avete dimostrato, arricchisce anche noi”.
Certo il lavoro comincia adesso per questi giovani atleti e i loro preparatori che ben gradirebbero potersi ritrovare magari verso febbraio per arricchire il loro bagaglio e verificare se i compiti a casa sono stati fatti bene con in tasca quell’attestato di partecipazione da valutare. Come dire:”Gli esami, per fortuna aggiungiamo noi, non finiscono mai”!

CALENDARIO GARE 2017


aggiornato 04/04/2017

rivista

Facebook

SITO AGGIORNATO

04/04/2017