1° Gran Premio Fitav di Skeet al Concaverde

3 aprile 2012

Oro per Lodde, Scocchetti, Rossetti, Mazzoleni, Nesti e Sdruccioli.

Si è disputato domenica 1 aprile sulle pedane del Concaverde di Lonato del Garda il primo Gran Premio Fitav di Skeet con allo start 124 specialisti del mark e del pull dove, sotto l’occhio vigile del c.t. Azzurro Francesco Fazi, per alcuni tiratori è iniziato il percorso di rifinitura in vista delle Olimpiadi di Londra 2012.
Luigi Agostino Lodde, l’azzurro di Ozieri (SS) è salito sul gradino più alto del podio degli Eccellenza con n 142+4 da cardiopalma.
Altro successo da evidenziare ed a cui attribuire una lode incondizionata, è stata quella del pistoiese di Ponte Buggianese Gabriele Rossetti tra gli Junior.
Il giovane tiratore azzurro del Gruppo Sportivo Fiamme Oro, in quanto a punteggio finale, ha fatto addiritura meglio degli Eccellenza, fissando il suo score con un eccezionale 146/150.
Vittoria in punta di fioretto della Romana di Ardea Simona Scocchetti, che come Lodde veste la divisa dell’Esercito, che ha saputo gestire con oculatezza e sangue freddo i 3 piattelli di vantaggio accumulati in gara uno (67/75) e chiudere poi le porte a tutte le avversarie con un ottimo e abbondante 23/25.
Per quanto concerne i Prima categoria, a mettersi al collo l’oro è stato il tiratore bergamasco di Curno Mauro Mazzoleni, che difende i colori del Concaverde di Lonato con142/150 mentre, tra i seconda e terza categoria, a salire sul gradino più alto sono stati rispettivamente il tiratore di Montemurlo in provincia di Prato Mario Nesti (Tav Montecatini-Pieve a Nievole) con 126/150 e l’anconetano di Ostra Elia Sdruccioli (Tiro a Volo Fano) con 136/150.
Prima giornata di gara, quella di sabato 31 marzo, soleggiata e relativamente calda con i primi 75 piattelli (Lady escluse) da distruggere.
Pietro Genga, tarantino di Statte, con due zeri (seconda e terza serie) si porta al comando della classifica provvisoria precedendo di un piattello l’oro olimpico di Atlanta ’96 Ennio Falco, con alle loro spalle un nutritissimo plotone di inseguitori a quota 71.
Domenica, la temperatura cala di parecchio ma è soprattutto il vento, senza una direzione univoca con raffiche a singhiozzo, a complicare le cose.
Genga è il primo a farne le spese con un 20/25 non da lui nella prima delle due serie in programma e, anche per Falco, le cose non vanno meglio con un 22 che grida vendetta.
E’ il momento dei recuperi con Lodde, Bellini e Filippelli lesti ad approfittare di questi errori raggiungendo e superando i loro più diretti avversari.
Finale che si preannuncia dunque alquanto pepata con il terzetto di testa in gran spolvero direttamente promossi, unitamente a Falco, alla finale e Pietro Genga, Emanuele Fuso, Michele Bertossi e Valerio Andreoni costretti invece agli spareggio per i 3 posti ancora liberi.
Grande spettacolo soprattutto quando Lodde, Bellini e Filippelli, tutti a quota 142/150 vanno ai supplementari. Ultimo ad arrendersi Luigi Agostino Lodde che, con un + 4 tira si aggiudica l’oro.
Stesso campo, quello centrale, diversi gli interpreti per la finale delle Lady, dove tutti i riflettori erano puntati sull’oro olimpico di Pechino Chiara Cainero. La tiratrice di Cavalicco di Tavagnacco (UD) in forza alla Forestale, sapeva di avere nelle corde tutti i mezzi per recuperare il gap di 3 piattelli su Simona Scocchetti ma, qualcosa non è andato per il verso giusto (19/25) di fronte alla performance di Scocchetti che, con quel magico 23/25 si è portata a casa un oro davvero pesante. Argento dunque per la Cainero e un meritatissimo bronzo per la Romana del Tav Bottaccia Chiara Costa.
Gran bella gara anche quella dell’ azzurrino Gabriele Rossetti tra gli Junior che si è lasciato alle spalle il gettonatissimo Tammaro Cassandro (Forestale) su cui ha pesato come un macigno quel malaugurato 20/25 dell’ultima serie. Altro tiratore particolarmente atteso era Vincenzo Grizi, anche lui alle prese con un inatteso 19/25 nella penultima tornata che gli ha di fatto tarpato le ali.
Finale senza macchia per un favoloso Rossetti e un sempre eccellente Cassandro in piena rimonta, che hanno messo, con grande autorevolezza, il sigillo sul primo e il secondo gradino del podio. Bronzo per Gerardo Iannacone.
Bene, anzi benissimo, per il bergamasco Mauro Mazzoleni tra Prima categoria che, entrato in finale con 117/150, stesso punteggio di Andrea Marussi, ha poi cesellato il tutto con un 25/25 di notevole fattura. Per Marussi (22/25) un argento da non gettare certo alle ortiche mentre il bronzo è stato appannaggio di Bruno Gubellini.
A Marco Nesti l’oro tra i Seconda categoria mentre, per le restanti posizioni sul podio, si sono confrontati nello spareggio Renato Vargiu e Renzo Bissoli, giunti poi nell’ordine.
Finale dei Terza categoria con la netta supremazia di Elia Sdruccioli al quale è bastato gestire con tranquillità il largo margine già accumulato in gara uno. Seconda moneta per Edoardo Aloi che, nella finale, ha raggiunto e superato di misura Angelo Errani giunto terzo.

Classifiche
Eccellenza: 1) Luigi Lodde Agostino 142/150+4; 2) Sandro Bellini 142+3; 3) Riccardo Filippelli 142+2.
Lady: 1) Simona Scocchetti 90/100; 2) Chiara Cainero 83; 3) Chiara Costa 81.
Junior: 1) Gabriele Rossetti 146/150; 2) Tammaro Cassandro 141; 3) Gerardo Iannacone 140.
Prima categoria: 1) Mauro Mazzoleni 142/150; 2) Andrea Marussi 139; 3) Bruno Gubellini 138.
Seconda categoria: 1) Marco Nesti 126/150; 2) Renato Vargiu 125+3; 3) Renzo Bissoli 125+1.
Terza categoria: 1) Elia Sdruccioli 136/150; 2) Edoardo Aloi 122; 3) Antonio Errani 121.

CALENDARIO GARE 2017


aggiornato 04/04/2017

rivista

Facebook

SITO AGGIORNATO

04/04/2017