Camp. Italiano Società F.U. 2011

11 agosto 2011

L’Arlunese argento a 1 piattello dal titolo.
Al Concaverde oltre 270 tiratori per 91 Società.

Anche nella Fossa Universale, i team lombardi si dimostrano ai vertici nazionali, sia in fatto di risultati che di presenze.

Al Concaverde di Lonato del Garda, domenica 7 agosto, è andata in scena una stupenda edizione del Campionato italiano di Fossa Universale, con annesso barrage finale tra le 2 compagini migliori del Gruppo “A” e “B” per l’aggiudicazione della Coppa Campioni, che ci ha fatto vivere momenti ad alta tensione agonistica grazie ai portacolori del Tav Arlunese.

Scudetto tricolore mancato giusto per 1 piattello, al termine dei 300 lanci previsti (100 per ciascun componente la squadra), con la soddisfazione non da poco di un prestigioso argento, conquistato contro ogni pronostico della vigilia, viste le forze in campo.

Basti pensare che a vincere, per la seconda volta consecutiva, sono stati i veneziani di Dogaletto di Mira del Tav La Fattoria e per il terzo gradino del podio si è andati allo spareggio tra i gettonatissimi alfieri bolognese di Conselice del Tav Il Mulino e il team del Tav Aosta.

Onore al merito, quindi, per il terzetto vice campione italiano del Tav Arlunese che, nell’occasione, ha schierato l’Eccellenza Ismaele Mariani e i Prima categoria Danilo Aceto e Marco Del Picco.

Prima di addentrarci in una rapida disamina di quanto accaduto, è doveroso fare un plauso al tutte le Società lombarde che, con spirito di decubertiana memoria, ovvero consci di non poter aspirare al titolo tricolore vista la loro vocazione per la Fossa Olimpica, hanno comunque onorato con la loro massiccia presenza questo appuntamento.

Ci riferiamo, al Poggio dei Castagni, al Tav Mattarona Rivarolo, al Tav Mesero, al Tav Melzo, ai Top Ten e al Tav Valle Duppo, tutti presenti con 3 formazioni, senza dimenticare il Tav Lovere e il Cas Concaverde.

Questo nel Gruppo “B” mentre, nel Gruppo “A” troviamo le 3 squadre del varesino Tav Belvedere di Uboldo, che si è fatto onore con un quarto posto di prestigio grazie ai Prima categoria Marco Zani, Alan Ghisolfi e Giovanni Inversini, ed altrettante schierate dai padroni di casa del Concaverde.

Tutta lombarda anche la regia con il giudice nazionale Ivano Pognani quale coordinatore e Giacomo Poli con la supervisione del Consigliere e commissario arbitri regionale Santo Falanga a garanzia di un successo annunciato, gratificato da un nuovo record di Società partecipanti.

Per la cronaca, ad aggiudicarsi definitivamente, dopo due successi di seguito, la Coppa Campioni è stato il terzetto del Tav La Fattoria mentre, a vincere lo scudetto tricolore del Gruppo “A” sono stati i rappresentanti del padovani di Agna del Tav Le Tre Piume.

Andiamo alla cronaca del confronto tra le compagini del Gruppo “B”, con gli arlunese protagonisti fin dalle 2 prime serie di lanci con un altrettanti 73/75 che li hanno proiettati al vertice della classifca provvisoria. Un leggero calo di zuccheri (70/75) nella terza serie consente ai portacolori del Tav La Fattoria (Alessandro Camisotti, Patrizio Carraro, Lionello Masiero) di recuperare il gap fino a vincere il titolo in virtù di un 72/75 nell’ultima serie, contro il 71 fatto registrare dal Tav Arlunese.

Spareggio tra il Tav Il Mulino (Ivan Rossi, Davide Venturi, Daniele Silvagni) e il Tav Aosta (Stefano Pavan, Francesco Galvagni, Ezio Notarangelo), in perfetta parità con lo score di 284/300 dopo i tempi regolamentari, per il terzo gradino del podio che ha visto brillare i bolognesi un ulteriore 72/75 contro il 71 degli aostani.

Uno sguardo adesso al Gruppo “A” con tanto di cappello per il terzetto del Tav Le Tre Piume(Pierluigi D’Imperio, Roberto Rossi, Giampaolo Micheletti), al comando fin dalla prima serie, che ha dunque meritato a pieni voti lo scudetto tricolore. Eterni secondi, è questo “brucia” non poco, per i Vigili del Fuoco (Adriano Avveduto, Pietro Giovanni Mereu, Enrico Moncada). Un argento che era decisamente alla portata dei varesini del Tav Belvedere (Alan Ghisolfi, Marco Zani, Giovanni Inversini) che invece, con 2 serie poco incisive (la prima con 69/75 e la terza con 67/75) sono scivolati al quarto posto, superati dai più costanti veronesi del Tav Zevio, in pedana con Luigi Viscovo, Mario De Donato e Aurelio Tezze.

Ultima annotazione tutta dedicata al barrage sui 75 lanci, 25 per ciascun componente la squadra, valido per la Coppa Campioni con in pedana le squadre del Tav La Fattoria e del Tav Le Tre Piume.

Ancora momenti da adrenalina pura con risultati di notevole spessore da entrambe le parti fino al computo finale che, per un piattello (72/75 contro 71/75), ha dato ragione ai veneziani per questo doppio, anzi triplo successo, visto che oltre al titolo tricolore, lo scudetto della Coppa Campioni hanno portato a casa anche la Coppa d’argento per essersi imposti per 2 anni consecutivamente.

Si chiude così un’altra bella e accattivante domenica con il Tiro a Volo a grandi livelli, con la cerimonia delle premiazioni, alla presenza del Consigliere Nazionale Vincenzo Cito, del Presidente della CAN sig. Giuseppe Lazzaretti e del Consigliere del CR Lombardia sig. Santo Falanga, ad anticipare di quel tanto che è bastato l’ormai classico temporale del tardo pomeriggio, che questa anomala estate ci riserva da una decina di giorni

Classifiche Gruppo “B”:

1) Tav La Fattoria 288/300 (71;73;72;72); Tav Arlunese 287 (73;73;70;71); 3) Tav Il Mulino 284/300 (70;72;70;72)+72/75; 4) Tav Aosta 284/300 (70;72;70;72)+69/75.

Classifiche Gruppo “A”:

1) Tav Le Tre Piume 289/300 (71;73;72;73); 2) Vigili Del Fuoco 284 (69;70;73;72); 3) Tav Zevio (71;70;71;71); 4) Tav Belvedere 281 (69;73;67;72).

Coppa Campioni:

1) Tav La Fattoria 72/75; 2) Tav Le Tre Piume 71/75.

CALENDARIO GARE 2017


aggiornato 04/04/2017

rivista

Facebook

SITO AGGIORNATO

04/04/2017